Dinastie cestistiche
DI BONAVENTURA: DA COACH GABRI AL FIGLIO GIORGIO CAMPIONE D’ITALIA UNDER 20!

L’articolo pubblicato sul MESSAGGERO Abruzzo lunedě 8 maggio 2017.

Roseto degli Abruzzi (TE)
Giovedě, 11 Maggio 2017 - Ore 11:00

A Roseto è fiorita un’altra pagina di basket, unendo due generazioni.

È successo domenica 30 aprile 2017, quando il PMS Moncalieri ha vinto lo Scudetto Under 20 battendo in finale la favorita Virtus Bologna. I piemontesi, outsider del torneo, hanno stupito tutti – e strappato applausi giocando di squadra, ottimamente diretti da coach Vincenzo Di Meglio – guidati in campo da capitan Giorgio Di Bonaventura, ala classe 1997, abruzzese di Teramo che da 5 anni vive, studia e gioca in Piemonte.

Giorgio è figlio di coach Gabriele “Gabri” Di Bonaventura, apprezzato tecnico che ha vinto campionati nelle minors e che nel 1995/1996 vinse la Serie C1 a Roseto, guidando la squadra del presidente Giovanni Giunco e del cannoniere Marco Verrigni al ritorno in Serie B.

Figlio d’arte di un padre allenatore, Giorgio ha dimostrato durante le Finali Nazionali Under 20 di possedere quelle qualità di giocatore di sistema e uomo squadra che ne potranno fare un atleta professionista, pur non essendo dotato di straripante talento.

Il ragazzo, che ha iniziato a giocare a 6 anni e nelle giovanili del Teramo Basket ha avuto come primo maestro Marco D’Ascenzo, assistito da Laura Biancacci ed Emanuele Pompei, senza dimenticare il professor Melasecca, ha come modello tecnico in campo il lungo Shaun Stonerook, mentre a livello umano apprezza molto Richard Mason Rocca.

Dopo aver alzato il trofeo e addentato lo Scudetto di Campione d’Italia, Giorgio è andato a cercare sugli spalti del PalaMaggetti papà Gabri e mamma Angela, per una foto ricordo.





Stampato il 10-19-2017 00:20:07 su www.roseto.com