Serie B Semifinali Playoff Gara 3 Campli e Pescara
CAMPLI VINCE MA PERDE GATTI, PESCARA INIZIA LA RIMONTA.

Il punto di coach Gabri Di Bonaventura sulle abruzzesi di Serie B impegnate nella postseason.

Roseto degli Abruzzi (TE)
Sabato, 20 Maggio 2017 - Ore 16:30

In Serie B, anche gara 3 di semifinale playoff va in archivio, quindi cerchiamo di analizzare rapidamente quanto accaduto, in questo secondo turno infrasettimanale, al Campli e al Pescara, impegnate in casa rispettivamente con il Barcellona Pozzo di Gotto e con il Montegranaro, in attesa di gara 4 che si disputerà domenica 21 maggio alle ore 18, nuovamente in terra abruzzese.

Playoff, Semifinale, Gara 3 (3 su 5).
BARCELLONA POZZO DI GOTTO-CAMPLI (1-2)

Dopo la fondamentale vittoria ottenuta in terra siciliana (56-63) in gara 2, il Campli di coach Millina si ripete, piegando (81-77 dopo un tempo supplementare), questa volta fra le mura amiche, la resistenza del Barcellona di coach Nisic, posizionandosi a soli quaranta minuti da una finale a dir poco inaspettata… mica male per una franchigia che l’anno scorso era stata mestamente eliminata dal Pescara al primo turno, tra l’altro con il vantaggio del fattore campo, e quest’anno aveva allestito una squadra non certo con obiettivi di salto di categoria… davvero tanta roba, soprattutto considerando le difficoltà che la gloriosa società presieduta da Emiliano Impaloni ha dovuto affrontare nei mesi invernali, fra terremoto e tanta di quella neve che la metà sarebbe bastata, maledizione!
Dopo un avvio alquanto problematico (11-20), i biancorossi, incitati dai generosi supporter di casa, nel secondo periodo hanno rimesso perentoriamente le cose a posto, trovando il canestro con una continuità impressionante e raggiungendo gli spogliatoi con un incoraggiante + 4 (41-37)…
Nel terzo quarto, chi si attendeva un crollo della compagine ospite - fortemente penalizzata in questa serie dall’assenza dell’ala, classe ’84, Sereni – restava con un palmo di naso, visto che Brunetti (16) e soci, nonostante una rotazione praticamente a sette, con grande temperamento tenevano testa ai locali, entrando nel tempino decisivo con un solo possesso da recuperare (58-56) ed un finale tutto da scrivere…
Nel quarto periodo, le due formazioni proseguivano a braccetto (60-60 al 33’, 67-67 al 37’)… sul 69-71, un provvidenziale canestro realizzato da capitan Petrucci (11) a 20” dalla sirena, dopo l’uscita per infortunio di Simone Gatti, assicurava alla truppa farnese la coda supplementare… roba vietata ai cardiopatici!
Nell’overtime, il Campli riusciva a chiuderla, facendo esplodere di gioia e liberazione il PalaBorgognoni, che in occasione di gara 4, immagino offrirà un colpo d’occhio eccezionale… come cantano a Campli, fino alla fine birra e porchetta!
Analizzando le statistiche, direi Mvp l’inesauribile play, ex Ferrara, Bottioni (19p con 6/12 dal campo, 7/10 ai liberi, 3r, 6 assist, 7 falli subiti, 22 di valutazione in 44m), a cui hanno offerto sponda lo sfortunatissimo Gatti (19p + 6r, 8 falli subiti, 20 di valutazione in 32m) e il concreto pivot Ponziani (10 + 7r, 10 di valutazione in 24m), mentre in casa Barcellona, oltre al già citato centro Brunetti, doppia cifra per la guardia Grilli (16), per l’ala-pivot italo-serba, classe ’95, Paunovic (15) e per il play, classe ’94, Rodriguez (10).
Dicevamo dello sfortunatissimo Simone Gatti perché, sul finire dell’ultimo quarto, il lungo dei farnesi si è infortunato al tendine d’Achille. Oggi, visitato a Teramo, la diagnosi ha confermato la grave lesione. Il giocatore sarà operato lunedì a Pesaro e Campli, che ha finora giocato una stagione eccezionale nonostante la rottura del legamento crociato a Onorio Petrazzuoli, deve fare i conti con quest’altra terribile tegola. A Simone Gatti il nostro sportivissimo “in bocca al lupo”, affinché torni presto in campo a deliziare con i suoi numeri gli appassionati di pallacanestro. Al Campli, un doveroso incoraggiamento affinché sappia gettare il cuore oltre l’ostacolo, visto l’ennesimo problema di una stagione tanto bella per i risultati quanto travagliata per i problemi avuti.

Playoff, Semifinale, Gara 3 (3 su 5).
MONTEGRANARO-PESCARA (2-1)

Dopo quattro sconfitte - seppur due arrivate proprio all’ultima curva - registrate nei precedenti scontri diretti, ovviamente fra stagione regolare e playoff, il Pescara di coach Salvemini, conquista (81-75 d.t.s.) al PalaElettra il primo punto della serie con il Montegranaro di coach Ceccarelli (Gueye 12, Diomede 11, Broglia 11, Di Viccaro) e toglie dalla racchetta dei marchigiani la prima possibilità di conquistare la finale con la vincente di Barcellona-Campli…
Dopo un primo tempo letteralmente dominato (43-27) dagli adriatici, bravissimi a togliere fluidità all’attacco giallonero e poi a concretizzare i numerosi vantaggi acquisiti dalla strategia difensiva, il Montegranaro aveva il grande pregio di non demoralizzarsi e di non staccare la spina, cercando di assorbire il colpo nel terzo quarto, terminato sul 58-44, e provare a giocarsi il tutto per tutto nel quarto periodo…
Con Pepe (15p con 5/17 dal campo, 4/6 in lunetta, 4r, 5 falli subiti, 4 assist, 12 di valutazione in 38m) e soci che in attacco perdevano ritmo e fiducia, un’improvvisa gragnola di velenose triple, scagliate dalla franchigia presieduta dalla famiglia Bigioni, riapriva completamente la partita, propiziando addirittura il sorpasso (63-64) di Rizzitiello (9) e compagnia, quando mancavano 02:05 al suono della sirena… che partita ragazzi!
Nelle nevrotiche fasi finali - complici anche gli errori registrati in lunetta (16/28, 57%) e dovuti sicuramente alla tensione di una gara senza domani per l’Amatori – gli ospiti avevano anche l’arancia per volare in finale ma, ancora una volta, la difesa biancorossa teneva botta, rimandando il tutto all’overtime… una bolgia!
Nella coda supplementare, sospinti dal caloroso apporto del pubblico di fede Amatori, Rajola (Mvp, 15p con 4/9 dal campo, 5/7 in lunetta, 4r, 5 falli subiti, 8 cioccolatini, 22 di valutazione in 37m) e soci ritrovavano il giusto ritmo e grazie alle giocate del preziosissimo Di Donato (9) conquistavano la parte giusta del referto, allungando, come da previsioni, la combattutissima serie, resa ancora più incerta dall’indisponibilità, nelle fila del Montegranaro, del regista, ex Ravenna, Rivali e caratterizzata da polemiche extra-cestistiche che hanno fatto il giro dei mass-media…
Rinfrancati dalla vittoria ma anche da una prestazione di squadra soddisfacente a tutto tondo, Valentini (15) e compagnia tenteranno nuovamente l’assalto alla Poderosa domenica 21, alle ore 18, con la speranza di guadagnare il pass per una gara 5, da disputare eventualmente alla Bombonera - impianto definito pubblicamente dal Presidente dell’Amatori Pescara, Carlo Di Fabio, “poco più di un letamaio” - mercoledì 24 maggio alle ore 21.00…

E’ proprio tutto signori, cosa si può aggiungere alla vigilia di due gare 4 che mettono in palio la finale per accedere, successivamente, alla Final 4 di Montecatini del 10 e 11 giugno?
Ma certo: chi tiene polvere spara!

ROSETO.com
Gabri Di Bonaventura
TUTTI GLI ARTICOLI
http://www.roseto.com/news.php?id_categoria=31&tipo=basket



Stampato il 10-19-2017 00:20:50 su www.roseto.com