Via Seneca [Il privŔ di ROSETO.com]
ROSETO NASCOSTA VA IN CALIFORNIA

Cronaca di un incontro casuale. Quindi bellissimo.

Roseto degli Abruzzi (TE)
Mercoledý, 02 Agosto 2017 - Ore 18:30

Roseto degli Abruzzi, Cabana Park, 29 luglio 2017.

Fabio Brocco, autore della foto, mi presenta Curt Direnzi e la sua promessa sposa Brianna, che si uniranno in matrimonio a novembre in California, Santa Barbara, dove vivono.
Fabio mi dice che lui e Curt si sono conosciuti per lavoro, parlando poi delle radici italiane della famiglia di Curt, il cui nonno – Agostino Di Renzo – era partito da Celano per fare il minatore in nello stato americano della Pennsylvania.

Provenendo da due distinti tavoli, la discussione postprandiale è stata succosa e interessantissima... perché svolta in piedi in quanto non si doveva andare oltre la stretta di mano

Invece la mia logorrea ha fatto sì che cominciassi, avendo udito che venivano da Santa Barbara, col dirgli che il Roseto Sharks stava ingaggiando un giocatore loro concittadino: Roberto Nelson (small world!).

Poi abbiamo parlato del fatto che in Pennsylvania esista forse la più importante “enclave rosetana” d’America. Quindi di Celano, da dove il nonno di Curt era partito. Poi dei nonni di Madonna (Madonna Louise Veronica Ciccone), emigrati in America da Pacentro. Chiosando sul fatto che sia a Celano sia a Pacentro ci siano due bei castelli: rispettivamente il Piccolomini e il Caldora.

Quindi abbiamo un po’ parlato del libro che stavo leggendo (Il potere del cane di Don Winslow), infine i saluti.

Pochi minuti, pochissimi, ma intensi.

Al che ho attraversato la strada – ho la fortuna, pranzando al Cabana Park, di vivere in via Seneca – e sono andato a prendere la copia di “Roseto nascosta”, ultima fatica letteraria dell’amico William Di Marco, completo di sua dedica (tra l’altro molto bella e, per me, sentita). L’ho letto in un pomeriggio e lo avevo riposto in biblioteca.

Insomma: gli ho dato questo libro sulle ville e sui luoghi nascosti di Roseto, perché stampato in italiano e in inglese, come regalo per il loro matrimonio. Da bravo paranoico previdente, sono stato il primo a fare loro il regalo, visto che – come detto – si sposeranno a novembre.

Resto sempre più convinto che la vera vocazione di Roseto degli Abruzzi sia quella di città aperta e solidale, a vocazione turistica, in cui genti di tutto il pianeta passino del tempo, nel pieno rispetto della legge, contribuendo così all’economia locale.

Grazie a Fabio Brocco del bel momento, scaturito dal suo “assist” sotto forma di presentazione.

P.S.
William Di Marco, avvertito della cosa, mi ha perdonato l’aver regalato il libro con la sua dedica. Anzi, si è detto felice del fatto che una delle prima copie del suo volume vada in America.
Era quello che speravo...

ROSETO.com
Via Seneca [Il privè di ROSETO.com]
TUTTI GLI ARTICOLI
http://www.roseto.com/news.php?id_categoria=83&tipo=rosetano



Stampato il 10-22-2017 22:52:00 su www.roseto.com