Il Nome della Rosa
IL CIRCOLO VIRTUOSO SECONDO GIOVANNI D’ALESSANDRO

Alla vigilia della riapertura, un pensiero dello scrittore del 5 marzo 2014.

Roseto degli Abruzzi (TE)
Venerd́, 29 Settembre 2017 - Ore 11:30

IL NOME DELLA ROSA CHE FIORISCE DI NOTTE

C’è un posto magico sul colle di Giulianova, un posto in pieno centro… che nessuno può trovare. Cambia infatti fisionomia dal giorno alla notte. Nelle ore del giorno è la bella taverna di casa Di Giovannantonio, fatta di più stanze tra cui un’accogliente bouvette e un salotto (con un divano, molte sedie, e un tavolo su cui poggiare grappe che si riscaldano al calore umano, da non identificarsi solo con quello del palmo della mano). A notte si trasforma, diventando un luogo letterario e popolandosi di amici incuriositi, attenti e sorridenti: diventa il roseto di Nomenrosae, un’associazione culturale di prim’ordine della realtà abruzzese.

È un roseto curato, le cui corolle si aprono – stranamente – a notte. I giardinieri amici di Nomenrosae escono di casa e vengono a incontrare altri amici, ospiti degli incontri che hanno cadenza quasi mensile. Dedicano ad essi il loro tempo. Li ascoltano. Li interrogano. Chiacchierano con loro.

Alla domanda: quale sia la caratteristica che più colpisce in questa casa magica, bisogna rispondere che è la spontaneità. Qui non c’è nulla dell’incontro tra cosiddetti intellettuali, c’è solo dialogo tra intelligenze e si tratta di due parole – intellettuali e intelligenze - che vengono dalla stessa radice, ma esprimono concetti opposti, anzi di norma inconciliabili. Se c’è dia-logos vuol dire che c’è comunicazione tra persone le quali vogliono capire e capirsi, comunicazione che si trasferisce appunto dall’una all’altra, giacché questo in greco significa la prima sillaba, dià. Il narcisismo e la sofisticazione intellettualoidi che affliggono tanti programmi ed eventi mediatici non sono ammessi qui: vengono respinti sulla porta da Roberto Di Giovannantonio, il quale fa presente, con cortese fermezza, che hanno sbagliato indirizzo.

Non potrebbe essere diversamente anche a causa del deterrente rappresentato dall’intervistatore degli ospiti, Luca Maggitti, bravo scrittore e comunicatore intollerante dei solipsismi, culturali e politici… dotato di una frusta verbale che adopera con energia contro di essi, anche nella sua attività di pubblicista.

Insomma questo spazio notturno fiorito di rose coltiva se stesso con degli antiparassitari (in ogni senso) molto attivi nell’impedire contaminazioni.

Chi scrive è stato ospite di Nomerosae la sera del 21 febbraio scorso, per la presentazione del romanzo “La tana dell’odio”. La conversazione si è poi estesa a tutta la precedente produzione narrativa, costatando con piacere quanto fosse stata seguita dai presenti, e anche ad altri argomenti di attualità.

Queste parole sono dunque un “grazie”. Detto in modo sincero e con l’intento di far sapere quanto l’ospite abbia apprezzato questo incontro come magico,  e accogliente, e caldo, in una notte d’inverno a Giulianova.

Pescara, 5 marzo 2014
Giovanni D’Alessandro

INFO
Circolo Virtuoso
IL NOME DELLA ROSA
Via Gramsci 46/a - 64021 Giulianova (TE)
Telefono 338.97.27.534
www.ilnomedellarosa.com







Stampato il 10-19-2017 00:22:51 su www.roseto.com