Serie A2 Est – Roseto Sharks
DANIELE CIMOROSI: LA DITTA NON TREMA...

L’articolo pubblicato sul MESSAGGERO Abruzzo mercoledì 4 ottobre 2017.

Roseto degli Abruzzi (TE)
Giovedì, 05 Ottobre 2017 - Ore 11:00

Daniele Cimorosi è, per la terza stagione consecutiva, il presidente e socio di riferimento del Roseto Sharks. Negli scorsi due campionati, è stato il primo – e per lunghi mesi l’unico – a credere nei playoff.

Nello scorso torneo, poi, non esitò a supportare il direttore sportivo e coach Di Paolantonio nell’ora delle decisioni irrevocabili, ingaggiando Valerio Amoroso e spedendo a casa il non competitivo Lewis-Briggs.

Quest’anno, Cimorosi naviga a vista con sguardo sornione. Non dice, il patron del sodalizio cestistico rosetano, che crede ancora in qualcosa di più della salvezza: forse per scaramanzia.

Comunque, nonostante la sconfitta interna all’esordio contro Ravenna, è ottimista e dichiara: «Innanzitutto, voglio ringraziare lo splendido pubblico che domenica ha gremito il PalaMaggetti. Un pubblico che ha saputo essere calorosissimo e correttissimo nello stesso tempo. Credo che sia un buon inizio e che la base sulla quale costruire un’altra stagione soddisfacente ci sia».

Sulla prova della squadra, Cimorosi non si sbilancia troppo: «Per queste cose c’è coach Di Paolantonio, che deve essere lasciato sereno in questi giorni di lavoro della compagine al completo, dopo i numerosi infortuni del precampionato. La sconfitta contro Ravenna mi ha fatto capire che la squadra c’è e lotta. Abbiamo anche avuto il pallone del sorpasso a poco più di due minuti dalla fine. E se la tripla fosse entrata, con la bolgia del nostro palazzetto, non so come sarebbe finita. Insomma: sono fiducioso, perché ho visto i ragazzi grintosi e determinati».

Impossibile non parlare della deludente prova di Darell Combs, che ha segnato il primo canestro al 33° minuto. Cimorosi risponde usando la diligenza del buon padre di famiglia: «Credo che Combs si sia fatto fregare dall’emozione. Perché i suoi numeri e la carriera universitaria dicono che non può essere quello che abbiamo visto. Al tecnico e ai suoi compagni di squadra il compito di rinfrancarlo, per farlo rendere al meglio fin dalla prossima trasferta, visto che non possiamo permetterci di fare a meno del nostro cannoniere designato».

Il Roseto lavora per preparare la trasferta di Montegranaro (si giocherà al palasport di Porto San Giorgio), prima di due impegni esterni consecutivi in casa di due neopromosse (poi sarà la volta di Orzinuovi).

Intanto, voci non confermate vorrebbero la società, finalmente, vicina alla firma di un primo sponsor, che pare arriverà in forza della “moral suasion” esercitata da un influente politico locale. Mai come in questo caso vale l'adagio: se son rose, fioriranno.



Stampato il 12-11-2017 03:03:29 su www.roseto.com