Serie A – Sutor Fabi Montegranaro
SIENA VINCE SOFFRENDO

Sutor sconfitta in casa dalla capolista. Il racconto di Paolo Mariani.

Roseto degli Abruzzi (TE)
Luned́, 31 Gennaio 2011 - Ore 02:30
FABI SHOES MONTEGRANARO 70
MONTEPASCHI SIENA 74
Parziali: 21-23; 35-43; 50-59; 70-74.
 
Fabi Shoes Montegranaro: Ford 24, Jones 6, Antonutti 7, Cavaliero 8, Maestranzi 6, Ray 10, Canavesi 6, Cinciarini 1, Ogeneat ne, Ivanov 2. All.: Pillastrini.
 
Montepaschi Siena: Zisis 11, Hairston 8, Carraretto 3, Rakovic 11, Kaukenas 21, Ress, Michelori 4, Jaric 6, Spina ne, Severini ne, Stonerook, Moss 10. All.: Pianigiani.

Vince Siena, nessuna novità. O forse si... la novità è che Siena non vince più ammazzando la partita, azzannando gli avversari e producendo scarti vertiginosi contro l’avversario di turno. Vero, vince comunque, ma lo fa diversamente, con maturità e umiltà, conoscendo i propri limiti strutturali causati dagli infortuni in sequenza con cui è costretta a convivere che l’ha costretta a
modificare il proprio modo di giocare e gli equilibri faticosamente raggiunti fino al mese di dicembre.

La Montepaschi che conosciamo, sopra di 11 punti a fine di terza frazione era capace di chiudere l’incontro sul più venti senza fatica, invece oggi lotta e soffre fino all’ultimo secondo, andando a sfruttare tutte le risorse e tutte le energie di ogni singolo giocatore come lo stesso Pianigiani ammette con soddisfazione in conferenza stampa.  Fino a dove le assenze di Siena  producono questa situazione e fino a dove arrivano i meriti di questa Fabi Shoes Montegranaro è di difficile interpretazione, ma sicuramente se Siena non fosse scesa in campo con concentrazione e ferocia non avrebbe fatto bottino pieno contro una Sutor in forma e molto determinata su un campo caldo come il PalaSavelli.
 
Onore dunque agli sconfitti che hanno venduto carissima la pelle e che sono stati traditi dalla loro arma tattica migliore, quel tiro da tre dove primeggia (o, meglio, primeggiava) nelle statistiche di squadra e che invece oggi non è entrato proprio nei momenti topici finali per un deficitario 6/22 pari al 27%.

Non è bastato per la Sutor un suntuoso Sharrod Ford, indiscutibilmente il miglior centro del campionato, autore di 24 punti e 17 rimbalzi per uno stratosferico 42 di valutazione finale. Dall’altro lato risponde da far suo, Kaukenas,con i suoi 21 punti, vera spina nel fianco della difesa gialloblù e chirurgico nel finale con la bomba del 65-69.

1° QUARTO
Montegranaro parte con un quintetto piccolo, Cavaliero, Ray e Cinciarini mentre Siena è costretta a fare a meno di Lavrinovic (schiena) e Aradori (influenza) oltre alla solita defezione di Mc Calebb ed entra in campo con Zisic, Rakovic, Moss, Stonerook e Kaukenas. Quintetto piccolo per far correre e stancare gli esterni senesi ma che produce l’effetto contrario di aprire l’area alle incursioni di un motivatissimo Kaukenas che produce il primo strappo  senese sul 3-10. Ray non lo regge e dopo appena cinque minuti va in panca per  un più coriaceo Jones. La Sutor si aggrappa a Ford e alla prima bomba a referto  di Cavaliero a cui rispondono Moss ed un preciso Zisic che piazza la bomba del  8-17 Sutor. Pillastrini costretto al primo time-out a 4’,29” dal termine.  Dopo  il break entra in campo Antonutti che si conferma il miglior tiratore da tre  del campionato piazzando la bomba. Anche Jones ci mette del suo ed è bravo ad attaccare il ferro per il 16-19. Ford dopo un altro canestro esausto lascia spazio a Canavesi costretto al fallo su Malik Hairston spedendolo in lunetta per il 2/2 del 19-23 seguito dal 2/2 di Cavaliero con circa una ventina di secondi da giocare. Ress allo scadere del quarto ci prova da tre e ray fa un’altra scelleratezza facendo fallo. Un clamoroso 0/3 del trentino dalla lunetta
chiude il quarto sul 21-23 Siena.
 
2° QUARTO
Brutto secondo quarto per entrambe le formazioni ma soprattutto per la terna arbitrale che perde un po’ la bussola ed il polso della partita. Fischi dubbi e nervosismo producono un parziale brutto da vedere partito con il sorpasso Sutor grazie ad un ottimo Canavesi e la bomba di Maestranzi ancora non in perfette condizioni fisiche per il 26-23 Montegranaro. Quattro punti consecutivi di Hairston controbreccano  ed anche Michelori realizza con Ford in panca e Ivanov poco reattivo a causa anche lui di non perfette condizioni fisiche. Con poco
più di 4 minuti dal termine la Sutor è ancora lì sul 30-31 dopo una penetrazione di Ray per i primi suoi 2 punti dal campo.  Fine frazione chiusa con l’allungo senese grazie alla bomba di Jaric, la seconda del quarto per il 35-43 finale. Ford già scrive a referto 12 punti e 10 rimbalzi per un 24 di valutazione.

3° QUARTO
Si riparte e  riparte Ford con canestro e stoppata su Stonerook. Anche Ray segna ed avvicina la Sutor sul 39-43. Ma Siena non ci sta e ricaccia indietro la Pillastrini band con i punti di Moss e Rakovic per il 39-47.  Montegranaro fa goal da tre ancora con Cavaliero  dall’angolo su rimessa e Ford segna ancora portando a  spasso Michelori per il 44-47. Time-out Pianigiani a 6’,31” dal termine. Si esce dal time-out con un’azione memorabile della Montepaschi che
gira la palla a meraviglia eludendo i raddoppi sistematici della Sutor, Zisic si trova tutto solo e segna.  L’attacco di Siena gira come un orologio e Moss segna ancora sfruttando il mismatch con Maestranzi. Ray non è un fattore mentre Kaukenas si ed entra nella difesa giaulloblù come una lama nel burro ed i suoi 4 punti consecutivi producono il +11 Montepaschi sul 44-55 a 4’ dal termine. Ray viene cambiato da Jones e va in lunetta per 2/2. Ancora Ford avvicina la
Sutor sul meno 7 (50-57) ma gli aiuti ed i cambi sul pick’n roll della Sutor non sono produttivi.  Si prova con la zona 3-2 per Montegranaro negli ultimi minuti del terzo quarto che si chiude con un canestro di Hairston  e con una forzatura di Cinciarini.

4° QUARTO
Pillastrini ordina ai suoi di attaccare il ferro e di  sfruttare al massimo la supremazia sotto canestro. Jones attacca e segna e in difesa la Sutor inizia ad essere aggressiva, modificando anche la propria filosofia, non si raddoppia più e si cerca di adattarsi ai mismath. Questo produce due palle perse per Siena che avvicinano la Sutor sul 54-61 con il canestro in contropiede di Antonutti. Sospensione Siena a 7’,22” dal termine. Ancora Antonutti per il 56-61 e la difesa della Sutor morde causando i passi di Hairston cambiato da Moss. La Sutor ci crede nonostante le forzature di un Ray troppo discontinuo e ancora  Ford, con uno splendido halley-hoop realizza il meno 3. Rakovic fa solo 1/2  dalla lunetta e la Sutor è sempre più convinta di fare il colpaccio. Ray non  può sbagliare la bomba del meno 1, 61-62. Zisis segna e lo fa anche Ford per il 63-64. Errore Siena e Maestranzi si trova in mano la bomba del clamoroso sorpasso, ma che entra ed esce.  Zisis ancora in lunetta dopo un fallo dubbio di Ford per il 63-66. Dall’altra parte Antonutti ha una possibilità da tre ma la sbaglia cosa che non succede a Kaukenas, micidiale da tre per il 65-69. Ray vuole rispondere al lituano con un altro tiro dall’arco ma sbaglia con meno di due minuti da giocare.  Santo Ford imbeccato da un assist di Maestranzi riavvicina i suoi per il 67-69 e Siena perde palla sulla pressione della Sutor. Manca meno di un minuto dal termine ed azione più importante con la palla affidata a Ray che palleggia ma perde palla con 22” dal termine portandola fuori. Sulla rimessa infrazione di 5” non fischiata a Siena e Ford deve commetter fallo su Carraretto. Lunetta per il senese che fa 1/2  per 67-70. Ma sul rimbalzo possesso Siena e fallo speso su Kaukenas che fa 2/2 per il 67-72  Siena con 18 secondi dal termine. Maestranzi non ci sta e mette una bomba incredibile per il 70-72.  Ancora lunetta, questa volta per Moss che fa 2/2 con  7secondi allo scadere. Ray non tira nemmeno e la partita finisce con l’ennesima
vittoria della Montepaschi.
 






Stampato il 10-17-2017 01:50:05 su www.roseto.com