Basket, Musica e Solidarietà.
BRANDON SHERROD & THE SHARKS PRESENTANO IL LORO DISCO IN COMUNE

L’articolo pubblicato sul MESSAGGERO Abruzzo giovedì 20 aprile 2017.

Roseto degli Abruzzi (TE)
Sabato, 22 Aprile 2017 - Ore 11:00

Gli Sharks ai playoff, Brandon Sherrod in hit parade.

Continua a spron battuto la sorprendente stagione del Roseto, che ieri ha visto di scena il suo lungo americano Sherrod in Municipio, presentare il suo primo disco in carriera intitolato “Italian Journey”.

Il lungo statunitense, che è la “seconda punta” del quintetto di coach Emanuele Di Paolantonio giocando 28 minuti di media nel corso di quali segna 13,2 punti e cattura 8,5 rimbalzi, è infatti anche un bravo cantante.

Di più: la passione per la musica gli ha fatto saltare gli impegni cestistici del suo penultimo anno di università a Yale, per partecipare a un tour mondiale con i “Whiffenpoofs”, il più antico coro a cappella degli Stati Uniti fondato nel 1909 sempre nell’università di Yale.

Il giocatore, poche settimane dopo il suo arrivo in Italia, ha conosciuto il cantante e pianista di Montorio al Vomano, Massimiliano Coclite (all’epoca sfollato a Roseto a causa del terremoto), e il batterista di Roseto, Morgan Fascioli. Con loro, e con l’aggiunta del bassista Emanuele Di Teodoro, ha dato vita al gruppo “Brandon Sherrod & the Sharks”, componendo un disco fatto di 8 cover di pezzi americani oltre a due perle come “Lugano addio” di Ivan Graziani e “Prendila così” di Lucio Battisti.

L’obiettivo del disco è benefico: vendere mille copie per raccogliere 10mila euro e utilizzarne 5mila per comprare strumenti musicali per la scuola media con indirizzo musicale di Montorio al Vomano (città ferita dal terremoto) e gli altri 5mila per costruire analoghi progetti per le scuole medie di Bridgeport (città natale del giocatore).

Sherrod, presentando l’iniziativa a Palazzo di Città a fianco del sindaco Sabatino Di Girolamo, ha dichiarato in un buon italiano: «A Montorio, come a Roseto e Bridgeport, faremo brillare la luce della solidarietà, aiutando persone meno fortunate di noi e supportando il sistema scolastico che, a causa dei tagli, spesso non riesce a offrire neanche gli strumenti di base come la carta sulla quale stampare i programmi di studio».

Il sindaco Di Girolamo ha sottolineato l’orgoglio della città di Roseto, per essere stata la culla di un progetto che unisce due città divise dall’Oceano Atlantico, dichiarando: «Da una disgrazia, come il terremoto, nascono amicizie e un sodalizio artistico. Questa iniziativa è anche una spinta alla speranza della rinascita e di fiducia nel futuro».

Il disco, che costa 10 euro, si trova in diversi punti vendita a Roseto e sarà venduto al PalaMaggetti durante i playoff.





Stampato il 07-23-2018 08:10:22 su www.roseto.com