[Ricerca Avanzata]
Sabato, 13 Luglio 2024 - Ore 12:37 Fondatore e Direttore: Luca Maggitti.

Notaresco
VITTORIO BOCCABELLA: IN MEMORIA DI UN EROE.
Vittorio Boccabella.

Un momento della scopertura della targa.

L’articolo pubblicato sul MESSAGGERO Abruzzo martedì 9 maggio 2017.

Roseto degli Abruzzi (TE)
Giovedì, 11 Maggio 2017 - Ore 13:30

Sabato pomeriggio, nella sala consiliare del Comune di Notaresco, è stata scoperta una targa in memoria di Vittorio Boccabella, di cui ricorre il centenario della nascita.

Boccabella fu uno dei 44 eroici ufficiali che nel febbraio 1945 offrirono la loro vita, sostituendosi ai 21 compagni scelti dai nazisti per la decimazione a Unterluss.

L’ufficiale, nativo di Notaresco, riuscì a scampare alle angherie dei nazisti e alle durezze della prigionia, rientrando in Italia alla fine del secondo conflitto mondiale, dopo essere stato un Internato Militare Italiano e cioè uno di quei soldati che dopo l'8 settembre 1943, catturati e disarmati dai tedeschi in Italia, nei Balcani e in Francia scelsero volontariamente l’internamento nei lager invece della collaborazione con i nazifascisti e la lotta armata contro gli italiani stessi.

Il numero degli internati si calcola in 650.000 e furono imprigionati in oltre 80 lager fra Germania e Polonia. Oltre 50.000 morirono di malattie, malnutrizione e stenti, ma anche per bombardamenti o fucilazioni.

La figura di Vittorio Boccabella è stata ricordata da Enzo Fimiani, professore e responsabile delle biblioteche d’ateneo dell’Università D’Annunzio, che ha parlato di un importante periodo storico a una settantina di ragazzi delle terze medie dell’Istituto Comprensivo di Notaresco, intervenuti per l’occasione.

Momenti di commozione da parte dei figli del compianto Boccabella, Gianni e Myriam, che insieme a Sandro Melarangelo e al Senatore Antonio Franchi, Presidente ANPI, hanno assistito al rito della scopertura della targa da parte del primo cittadino di Notaresco, Diego Di Bonaventura, che ha dichiarato: «Abbiamo vissuto con grande emozione il ricordo di questa storia, che vogliamo tenere viva soprattutto per le future generazioni, aiutandole a comprendere i valori di coraggio e altruismo e sottolineando che le storie di guerra, per quanto lontane nel tempo, hanno segnato la nostra comunità».

Il primo cittadino ha quindi concluso: «È un percorso fatto parlando di legalità, quello che stiamo perseguendo, grazie ai tanti incontri pubblici che continueremo a proporre ai nostri cittadini, particolarmente sensibili a queste tematiche».

Luca Maggitti
Stampa    Segnala la news

Condividi su:




Focus on Roseto.com
Roseto.com - Il basket e la cultura dei campanili senza frontiere. - Registrazione al Tribunale di Teramo N. 540 Reg. Stampa del 19.08.2005.
Direttore responsabile: Luca Maggitti   Editore: Luca Maggitti   Partita IVA 01006370678
© 2004-2024 Roseto.com | Privacy | Disclaimer Powered by PlaySoft