[Ricerca Avanzata]
Martedμ, 26 Maggio 2020 - Ore 4:32 Fondatore e Direttore: Luca Maggitti.
Mailing List

Iscriviti alla mailing
list di Roseto.com!

Il tuo nome

La tua email

Iscrivimi
Rimuovimi



Informativa sulla
privacy e dettagli
del servizio

Coronavirus, politica e gancio cielo.
KAREEM ABDUL-JABBAR: SE FOSSI IL GHOSTWRITER DI TRUMP...
Kareem Abdul-Jabbar.

Donald Trump.

Kareem Abdul-Jabbar.

Il mitico ex giocatore ha scritto un discorso per il Presidente degli Stati Uniti d’America. Francesco Infante lo ha tradotto per Roseto.com.

Roseto degli Abruzzi (TE)
Sabato, 16 Maggio 2020 - Ore 12:00

Oggi il mio amico Chris mi ha girato una formidabile lettera scritta per il The Guardian, da uno dei più grandi di sempre, Kareem Abdul-Jabbar. Uno che, durante e dopo la sua carriera sportiva, quando c’era qualcosa da dire, l’ha sempre fatto. Per renderla fruibile a tutti l’ho tradotta in italiano.
Francesco Infante


Se fossi colui che scrive i discorsi di Donald Trump, questo è ciò che gli consiglierei di dire

Il presidente sembra incapace di unire il Paese. Così, mentre la pandemia di Covid-19 continua a pesare sull'America, gli ho scritto un discorso.

C'è un momento, verso la fine della maggior parte dei film sportivi, in cui l'allenatore fa un discorso di incoraggiamento sincero proprio prima della partita cruciale. L'allenatore usa parole come “cuore”, “onore” e “lavoro di squadra”. Tutto quello che succede in campo dopo è un po’ deludente perché la vittoria - sia sul tabellone che dello spirito - sembra inevitabile dopo il discorso. Al pubblico cinematografico questi momenti possono sembrare banali, ma nella vita reale, quando parla qualcuno che ammiri e rispetti, le sue parole possono avere un grande impatto. Di certo ascoltavo quando gli allenatori che rispettavo, come John Wooden, mi parlavano in momenti cruciali della mia carriera. Ispirare le persone a dare il meglio di sé è ciò che fanno i grandi allenatori – e i grandi politici. È una delle qualità che li rende grandi.

Negli ultimi mesi, questo Paese ha affrontato un avversario tremendo, il Covid-19. Ci sta prendendo a calci in culo in tutti gli stati e le statistiche non fanno che peggiorare. L'America ha un banco di prova importante e noi sappiamo come fare squadra quando ce n'è bisogno. Eppure, di fronte a verità scomode e a spaventose incoerenze nella leadership, abbiamo iniziato a districarci qua e là. Piuttosto che unirci in una crisi, ci stiamo combattendo l'un l'altro. E questo porta a un numero ancora maggiore di morti.

Una cosa che ci potrebbe essere utile in questo momento è un emozionante discorso di solidarietà del nostro presidente che ci ispiri a fare la cosa giusta, non solo per noi stessi, ma per il nostro Paese. È il discorso che Trump dovrebbe tenere, non perché voglia essere rieletto, ma perché risponderebbe alle principali preoccupazioni del Paese, metterebbe fine ai battibecchi politici, fornirebbe un piano ragionevole per il futuro e darebbe agli americani la consapevolezza che il loro governo sta lavorando per proteggere la loro salute e le loro esigenze economiche. Deve essere il discorso di uno statista e non di una, beh, tromba (Trump in inglese).

Se fossi lo scrittore del discorso di Trump, avvalendomi delle lezioni che ho imparato dai grandi discorsi che ho sentito nella mia carriera di pallacanestro, questo è ciò che gli farei dire:

«L’America ha già affrontato molti nemici in passato, sia stranieri che domestici. L'obiettivo di questi nemici è sempre stato quello di distruggere non solo l'America stessa, ma l’ideale americano, cioè la parità di trattamento e di opportunità per tutti coloro che vivono qui, indipendentemente dalla ricchezza, dall’origine etnica, dalla religione, dall’orientamento sessuale o dal sesso. Il Covid-19 è un nemico a cui non interessa della politica o della giustizia sociale – è un organismo opportunista che vuole solo alimentarsi e diffondersi. Non vuole distruggere l'America. Ma se non stiamo attenti, potrebbe riuscirci comunque.

Le persone si definiscono in base a come agiscono, non nei momenti buoni, quando la gentilezza e la compassione sono facili, ma nei momenti difficili, quando aiutare un vicino potrebbe costarci. Una crisi rivela se siamo eroi o meno, o se siamo cattivi. Ernest Hemingway ha detto: !Il coraggio è una grazia sotto pressione”, e credo che gli americani siano pronti a dimostrare il loro coraggio attraverso la grazia.

Bisogna cominciare da quelli di noi al governo a cui è stato affidato il compito di combattere questo nemico. L’unico modo in cui possiamo giustificare la fiducia del popolo è essere completamente trasparenti nei nostri errori, nei nostri successi e nei nostri progetti per il futuro.

Abbiamo commesso degli errori. La mia amministrazione non ha agito abbastanza rapidamente nel riconoscere la grave minaccia che Covid-19 rappresentava. Avremmo dovuto, ma non l'abbiamo fatto. Non cerco scuse, perché nessuna scusa sarebbe accettabile. Quel ritardo ha portato a un effetto domino nello sviluppare abbastanza test e nell'ottenere le necessarie forniture mediche per le strutture sanitarie. Ma abbiamo imparato dai nostri errori e da quelli di altri Paesi.

Il virus ha aggravato una disparità razziale ed economica che era già inaccettabile in questo Paese. Il tasso di mortalità tra le comunità nere e latino-americane è significativamente più alto di quello delle comunità bianche. Farò tutto ciò che è in mio potere per cambiare questa situazione. Il virus sta anche attaccando il nostro processo democratico, minacciando di impedire alle persone di colore e a quelle economicamente svantaggiate di poter votare a novembre. Farò tutto ciò che è in mio potere per garantire che ogni voce degli elettori venga presa in considerazione.

Per quanto riguarda coloro che usano la nostra crisi nazionale come scusa per emarginare gli altri o fare del male ad altri a causa della loro razza, religione, orientamento sessuale o identità di genere, non solo non vi sostengo, ma farò tutto ciò che è in mio potere per farvi perseguire penalmente. Perché lo scopo del potere del presidente è quello di usarlo per proteggere coloro che ne hanno più bisogno. E se questo vi offende, allora non votate per me.

Da questo momento, la mia amministrazione è pienamente impegnata in una missione: mantenere il nostro popolo fisicamente sano e allo stesso tempo proteggere la salute economica del Paese. Trovare un equilibrio tra questi due obiettivi cruciali, a volte in competizione tra loro, è la più grande sfida che questo Paese abbia mai affrontato negli ultimi decenni. Nessuno ha risposte definitive perché questa situazione è unica. Tuttavia, è nostro impegno a non mettere mai a rischio la vita solo per il bene di politiche economiche non necessarie. Qualsiasi decisione relativa all'apertura di attività o alla riduzione degli alloggi sarà guidata dai dati, sulla base delle sole informazioni raccolte dai maggiori esperti scientifici e medici del Paese, e non da posizioni di parte.

Nessuno sa con certezza come il virus abbia avuto origine. Ma indagare la fonte è fondamentale per capire ulteriormente come funziona e si diffonde e può aiutarci a combattere altri virus in futuro. I Paesi devono lavorare insieme per raccogliere queste informazioni, non per dare colpe o formulare accuse o chiedere risarcimenti, ma piuttosto per aiutare l'umanità a sopravvivere. A tal fine, mi impegno a non intraprendere alcuna azione contro i paesi coinvolti.

Per garantire che la mia attenzione rimanga concentrata su questo compito, non parteciperò a nessuna attività di campagna per la presidenza del 2020. Continuerò a candidarmi, ma lascerò che le mie azioni siano la mia campagna elettorale. Il modo in cui mi comporterò come vostro leader nei prossimi mesi sarà la mia campagna elettorale.

Non farò discorsi, non parlerò in modo denigratorio del mio avversario o dei suoi rappresentanti. Non ci saranno attività riguardanti il muro o altre questioni di divisione. Dobbiamo lavorare tutti insieme per superare questa minaccia qui e ora, senza guardare perennemente a novembre. Il presidente Lincoln ha detto: !Una casa divisa al suo interno non può stare in piedi”. Questo è ancora più appropriato ora, 162 anni dopo, visto che ci troviamo di fronte a un crescente numero di morti e a un'economia in declino. L'America sta lottando per la sua sopravvivenza, non solo come paese, ma come ideale. E niente è più importante che dimostrare a noi stessi e al resto del mondo che i nostri ideali condivisi sono abbastanza potenti da superare qualsiasi nemico, visibile o invisibile».


Questo è il discorso di un presidente determinato a guidarci nei nostri giorni più bui e nel futuro incerto. Richiede l'abbandono di ogni logica di rating e di aggressività personale per concentrarsi solo sul benessere delle persone nel loro momento di più profondo bisogno. Richiede qualcuno che ami il Paese più della sua carriera. Richiede grandezza.


L’ARTICOLO ORIGINALE
https://www.theguardian.com/sport/2020/may/12/kareem-abdul-jabbar-covid-19-donald-trump

ROSETO.com
Stampa    Segnala la news

Condividi su:



Il sondaggio!
MASCHERINE CHIRURGICHE MONOUSO. Quante volte le indossi?
Solo 1 volta.
Fino a 5 volte.
Oltre 5 volte.


Guarda i risultati


NOTA BENE
I nostri sondaggi non hanno alcun valore statistico, in quanto rilevazioni aperte a tutti e non basate su un campione elaborato scientificamente.

Focus on Roseto.com
Roseto.com - Il basket e la cultura dei campanili senza frontiere. - Registrazione al Tribunale di Teramo N. 540 Reg. Stampa del 19.08.2005.
Direttore responsabile: Luca Maggitti   Editore: Luca Maggitti   Partita IVA 01006370678
© 2004-2020 Roseto.com | Privacy | Disclaimer Powered by PlaySoft