[Ricerca Avanzata]
Mercoledì, 28 Febbraio 2024 - Ore 3:59 Fondatore e Direttore: Luca Maggitti.

Serie B Nazionale – Girone B – Pallacanestro Roseto
ROSETO PIÙ FORTE DELL’INFORTUNIO DI POLETTI... E DEI TABELLONI GUASTI!
Dimitri Klyuchnyk.
[Mimmo Cusano]


Vincenzo Guaiana.
[Mimmo Cusano]


Giordano Durante.
[Mimmo Cusano]


Padova tiene bene il campo, ma Roseto la controlla sempre, ad eccezione di 2 minuti. I tabellini, la partita, le pagelle del professor Lorenzo Settepanella, la preghiera per il PalaMaggetti, le immagini di Mimmo Cusano per Cusano Photo.

Roseto degli Abruzzi (TE)
Domenica, 03 Dicembre 2023 - Ore 01:45

ROSETO 81
PADOVA 70

Parziali: 21-14; 19-18 (40-32); 25-23 (65-55); 16-15 (81-70).

ROSETO: Durante 11, Maiga, Dervishi n.e., Mastrototaro n.e., Donadoni 2, Guaiana 18, Tamani 8, Mantzaris 10, Klyuchnyk 18, Santiangeli 14. Coach: Gramenzi.

PADOVA: Cecchinato 3, Schiavon, Molinaro 8, Osellieri, Ius 2, Ferrari 15, Scanzi 9, Bianconi 18, Antelli 15, Guevarra n.e.. Coach: De Nicolao.


Roseto batte Padova per 81-70 e vince la sesta partita casalinga consecutiva, riscattando il passo falso di Fabriano e conservando il secondo posto in classifica, dietro la capolista solitaria Ruvo di Puglia.
Nel pubblico, ad applaudire il Roseto, c’era anche Enzo Amadio: patron della stagione 2002/2003, con la squadra in Serie A e in Uleb Cup.  
Alla palla contesa, coach Gramenzi – che sconta l’assenza dell’infortunato e febbricitante Poletti, miglior cannoniere e rimbalzista di squadra – parte con il doppio play Durante e Mantzaris, l’ala piccola Santiangeli, Guaiana in ala grande e Klyuchnyk nel ruolo di centro. Coach De Nicolao risponde disponendo Padova con Antelli in regia, Cecchinato e Scanzi esterni, Ferrari e Molinaro lunghi.
Il primo quarto vede la perfetta parità a quota 10 del 5° minuto, poi Roseto allunga grazie a un Klyuchnyk da 10 punti, ben supportato da Mantzaris (5 e 6 assist) e Guaiana (4). Padova, che poggia sui 5 punti di Antelli e Scanzi, insegue al 10° per 21-14.
Nella seconda frazione, Roseto non riesce a segnare dal campo per oltre 4 minuti, compensando dalla lunetta con Tamani. Padova ha il merito di sorpassare con Ferrari sul 26-27, ma proprio nel suo momento peggiore il Roseto ha una reazione di agonismo e piazza un break che porta i padroni di casa sul +11 (38-27), prima del 40-32 che chiude il primo tempo.
Le statistiche a metà gara vedono per Roseto Klyuchnyk protagonista con 15 punti e 3 rimbalzi, ben supportato da Guaiana e Tamani con 6 punti. Per Padova l’unico in doppia cifra è Ferrari con 12 punti e 3 rimbalzi, supportato dagli 8 di Antelli.
Nel terzo quarto, Roseto vola con i canestri di Durante, ma nel momento in cui le triple di Bianconi riportano Padova sotto è ancora la squadra padrona di casa a reagire con le triple di Santiangeli e i canestri di Guaiana e Durante, guadagnando il 65-55 del 30° minuto.
Nell’ultimo quarto, Padova perde per falli sia il regista Antelli sia il centro Molinaro e Roseto riesce ad allungare fino al +16 (75-59). Proprio nel finale, purtroppo per il Roseto, Mantzaris esce, dopo aver segnato un canestro, tenendosi la coscia destra.
Le statistiche finali premiano Dimitri Klyuchnyk con 18 punti e 5 rimbalzi in 29 minuti e 18 di valutazione, ben supportato da Vincenzo Guaiana con 18 punti e 4 rimbalzi in 32 minuti e 18 di valutazione. Marco Santiangeli – che nel terzo quarto spacca la partita con 3 sue triple – chiude con 14 punti, 9 rimbalzi e 20 di valutazione in 34 minuti. Doppia cifra anche per Vangelis Mantzaris – che in 25 minuti segna 10 punti, prende 3 rimbalzi e smazza 9 assist per 14 di valutazione – e per Giordano Durante, che in 39 minuti segna 11 punti, cattura 5 rimbalzi e serve 4 assist per 17 di valutazione.

Luca Maggitti


LE PAGELLE DEL PROFESSOR LORENZO SETTEPANELLA


GIORDANO DURANTE 7,5
Difende forte, spinge, ruba palloni preziosi e segna canestri ad elevato coefficiente di difficoltà, come, ad esempio, Il missile che sgancia, da otto metri, al 18', mettendo la più coprente delle pezze su un attacco andato a male. Elementi di una pallacanestro efficace ed intensa con i quali marchia a fuoco la gara anche nella seconda parte (11 punti con 4/6 dal campo, 5 rimbalzi, 4 assist, 2 perse, 5 falli subiti per 17 di valutazione i 39'). Imprescindibile per gli equilibri di Gramenzi.

VINCENZO GUAIANA 7,5
L'assenza di Poletti lo proietta in quintetto da numero quattro atipico e lo spinge a gestire qualche responsabilità offensiva in più. Emerge, a tal proposito, prepotentemente nella seconda parte della gara, senza mai smettere di difendere e ruggire sia sull'uomo che lungo le linee di passaggio. Il pallone che ruba e schiaccia al 28' ed i canestri segnati dalla distanza nei momenti chiave, le più evidenti manifestazioni di spessore, carattere e maturità da parte del ragazzo di Erice (18 punti con 7/12 dal campo, 4 rimbalzi, 2 assist, 2 perse ed 1 recupero per 18 di valutazione in 32').

ALESSIO DONADONI 5,5
Impegno sempre ai massimi livelli ma, per una volta, poche cose da ricordare, sebbene fosse in condizioni fisiche tutt'altro che ideali (2 punti con 1/10 dal campo, 2 rimbalzi e 1 assist in 20').

MARCO SANTIANGELI 7+
Non pervenuto per quasi tutti i primi due quarti, nel corso dei quali alterna errori banali e tiri presi con poca convinzione. Dopo il primo canestro, che arriva solo al 18', si sblocca, giocando una terza frazione stratosferica: tre tiri da tre punti, a breve distanza l'uno dall'altro, che spaccano la gara, e testa sempre alta per tenere aperto il dialogo con i lunghi. Decisivo, nonostante un linguaggio del corpo che non tradisce la minima emozione (14 punti con 4/10 dal campo, 9 rimbalzi, 1 assist, 2 perse,1 recupero, 4 falli subiti e 20 di valutazione in quasi 35').

DIMITRI KLYUCHNYK 7,5

Prova assai convincente, iniziata in modo imperioso (10 punti nel solo primo quarto con 4/4 dal campo) e proseguita con maturità e consapevolezza dei propri mezzi (18 punti con 5/11 dal campo, 5 rimbalzi, 1 assist, 6 falli subiti e 19 di  valutazione in 29'). Egli per primo spera si tratti dell'inizio di un nuovo corso.

GEORGES TAMANI 6,5
Indubbi segnali di risveglio dopo almeno due gare particolarmente deludenti (8 punti con 2/4 al tiro, 4/4 ai liberi ed 8 rimbalzi in appena 15'). Fa tirare a Gramenzi un sospiro di sollievo.

VANGELIS MANTZARIS 7
Commette qualche, inconsueto, errore di troppo al tiro, ma è ancora una volta impressionante per il modo in cui domina cerebralmente la gara (10 punti con 4/12 dal campo cui aggiunge 3 rimbalzi, 3 recuperi e ben 9 assist per un eloquente 14 di valutazione in nemmeno 25').

COACH FRANCO GRAMENZI 7
L'indisponibilità di Poletti (ufficialmente fuori combattimento per un febbrone) lo costringe a soluzioni adattive non proprio naturali né in attacco né, tanto meno, in difesa. Ottiene, tuttavia, una risposta gagliarda da un gruppo che, nelle avversità, si compatta e reagisce. Una difesa che morde e cinque uomini in doppia cifra (ed un sesto a quota 8) rappresentano il più evidente segnale di salute dopo la deludente prova di Fabriano e in attesa dell'incombente trasferta di San Severo. Il tutto in attesa di capire quali possano essere le giuste pedine da muovere, nell'ambito di un mercato che potrebbe prevedere non solo movimenti in entrata ma anche in uscita.  

Lorenzo Settepanella


PREGHIERA PER IL PALAMAGGETTI

Contro Padova, i grandi tabelloni del PalaMaggetti non hanno funzionato, sostituiti da strumentazione equipollente a termini di regolamento, ma certamente non sufficienti per coinvolgere il pubblico, date le loro dimensioni.
Anche lo scorso campionato, la consolle che regola i tabelloni fu sostituita durante una partita, con una attesa di circa un quarto d’ora.
Di tutto questo ho sempre scritto.
Così come ho scritto di come la Pallacanestro Roseto nelle ultime due stagioni – a proprie spese – ha rifatto i bagni del palasport (che tali erano dal 1978, anno della edificazione) e ha rimesso le luci al campo.
La Pallacanestro Roseto ha fatto molto, tirando fuori di tasca propria i soldi.
A mio avviso, è tempo che anche le altre squadre che utilizzano il PalaMaggetti solidarizzino (in solido) con la Pallacanestro Roseto, visto che l’impianto lo usano tutti.
Soprattutto, però, la mia preghiera va al Comune di Roseto degli Abruzzi, che – ormai con urgenza – deve attivarsi per fare un punto della situazione e aggiustare ciò che non funziona.
Il PNRR – le cui risorse rischiano di tornare in Europa in parte – mai come stavolta potrebbe servire per una opera di manutenzione al PalaMaggetti, dopo la riedificazione totale del 2003. Perché dopo 20 anni, è logico che la struttura – che dovrebbe essere il fiore all’occhiello della città – debba essere opportunamente sottoposta a manutenzione.
E se per la manutenzione si può aspettare la fine della stagione 2023/2024, l’aggiustamento delle strumentazioni elettroniche è invece urgentissima.
Sindaco Mario Nugnes, Assessore ai Lavori Pubblici Angelo Marcone, Assessore allo Sport Annalisa D’Elpidio: c’è lavoro per voi.

Luca Maggitti


FOTO
PALLACANESTRO ROSETO-PADOVA
Le immagini di Mimmo Cusano per Cusano Photo.
https://www.facebook.com/media/set/?vanity=mimmo.cusano&set=a.10225411756941546
ROSETO.com
Stampa    Segnala la news

Condividi su:




Focus on Roseto.com
Roseto.com - Il basket e la cultura dei campanili senza frontiere. - Registrazione al Tribunale di Teramo N. 540 Reg. Stampa del 19.08.2005.
Direttore responsabile: Luca Maggitti   Editore: Luca Maggitti   Partita IVA 01006370678
© 2004-2024 Roseto.com | Privacy | Disclaimer Powered by PlaySoft