[Ricerca Avanzata]
Martedì, 27 Settembre 2022 - Ore 15:56 Fondatore e Direttore: Luca Maggitti.

CERCA NELL'ARCHIVIO STARNUTI

Scegli il periodo:

Oppure inserisci una parola da cercare:
 


Martedì, 27/09/22
STARNUTI
[RUSSIA: L’IMPERIALISMO DEL TERZO MILLENNIO IN 7 MOSSE.]
La dottrina russa, quella che vuole l’impero, diretto o con stati fantocci sotto l’egida di Mosca, da Lisbona a Vladivostok, difeso con la propaganda e inculcando la paura dell’arma atomica fra i nemici, attualmente spiega la sua efficacia in Ucraina, dopo aver fagocitato negli anni passati pezzi di territorio rubati ad altri stati sovrani.
Il modo è sempre lo stesso.
1.Si finanziano, sottobanco, i separatisti di un territorio di un altro stato sovrano.
2.Si sostengono gli stessi, inviando truppe mercenarie non riconosciute.
3.Si costruisce una narrazione di persecuzione o si amplificano all’inverosimile gli errori fatti dallo stato sovrano preso di mira nei confronti delle sue minoranze (come in Donbass, dove l’Ucraina ha certamente commesso i suoi errori, che ovviamente non giustificano l’invasione da parte di un altro stato).
4.Si invade il territorio con la scusa di difendere le minoranze oppresse.
5.Si indicono referendum, andando a prendere gli elettori con i mitra casa per casa.
6.Si comunicano gli esiti dei referendum, non riconosciuti dalla comunità internazionale.
7.Si dichiara il territorio invaso zona russa, sottoposta alla dottrina e quindi difendibile anche con l’arma nucleare.
Ecco che, in 7 mosse, un territorio estero di uno stato confinante diventa territorio russo, dopo essere stato attaccato, preso con la forza e annesso con modalità non riconosciute dalla comunità internazionale.
Insomma: il ribaltamento completo della realtà, passando da invasori a difensori, mediante propaganda e armi.
Una cosa che gli stati imperialisti sanno fare bene. E i russi benissimo.
In mezzo, purtroppo: invasione, morte, bombardamenti, distruzione, assassinii, stupri, territori depredati.
E, in Ucraina, il 15% del territorio sovrano che in queste ore viene praticamente rubato dalla Russia.
Una vergogna internazionale.
Dire che questo non ci riguarda, soltanto perché non accade in Italia, credo non sia il modo corretto di affrontare il problema.
Sia per giustizia, sia perché fra Lisbona e Vladivostok ci siamo anche noi.
(Luca Maggitti Di Tecco)

Venerdì, 23/09/22
STARNUTI
[IL BULLO CHE GIOCA CON L’ATOMICA]
Partito il 24 febbraio 2022, per “denazificare un regime di cocainomani e pervertiti”, Vladimir Putin ha invaso l’Ucraina con l’esercito della Russia perché i suoi servizi gli avevano detto che si trattava di una cosa da 48 ore: Zelensky sarebbe volato via grazie a un elicottero della CIA e lui avrebbe potuto “nominare” un presidente fantoccio. Lui e i suoi si sono sbagliati, visto che l’Ucraina non ne vuole sapere di fare da scendiletto alla Russia. E quindi combatte per il proprio diritto a una vita libera.
Dai primi giorni di invasione, Putin minaccia di usare l’arma atomica, ben sapendo che, se lo facesse, la terra esploderebbe a causa di botte e risposte. Forse, viste le tre chiavi da attivare, anche i suoi non glielo lascerebbero fare. O, almeno, così spera il mondo che ha ancora un briciolo di sale in zucca.
Però lui continua a minacciare e i suoi tirapiedi – consapevoli e non – a supportarlo e amplificarlo.
Putin andrebbe, per mano di una coalizione ONU – altro che NATO – accompagnato alla porta, fino a Sebastopoli e da lì fatto nuotare via, spiegandogli che deve stare dentro i suoi confini.
Invece, siccome nessuno fa niente, questo piccolo pianeta avrà l’ennesimo bullo che, con la forza, si prende la terra del vicino, fa votare un referendum senza nessuna legittimazione internazionale e dichiara il terreno casa sua, così ricade nella dottrina di difesa e guai a chi attacca, perché la Russia ha l’atomica.
La dottrina Russa. Quella stessa che vuole l’impero, diretto o con stati fantocci, da Lisbona a Vladivostok.
(Luchino)

Domenica, 18/09/22
STARNUTI
[IL DIALETTO ROSETANO PER TUTTI – 403]
ammandenò lì cannòle
“reggere le candele”.
La situazione metaforica di “reggere le candele” è quella nella quale si trova un ruffiano o mezzano involontario che, senza alcun utile proprio, con la sola sua presenza – tanto rassicurante quanto involontaria – agevola amori altrui senza concludere nulla per sé, con conseguente frustrazione che lo rende simile a un candelabro.
(Luchino)

Mercoledì, 14/09/22
STARNUTI
[SIAMO TUTTI LATINISTI – 002]
Cave ab homine unius libri.
Guardati dal lettore di un solo libro.
(San Tommaso d’Aquino)

Lunedì, 12/09/22
STARNUTI
[LA VERITÀ FA MALE]
La verità è un servitore maldestro, che rompe i piatti quando fa le pulizie.
(Karl Kraus)

Venerdì, 09/09/22
STARNUTI
[8 SETTEMBRE: REALI E IRREALI, COMMIATI E FUGHE...]
Giovedì 8 settembre 2022, è morta dopo 70 anni di regno la Regina Elisabetta II, che nella Seconda Guerra Mondiale – da erede al trono – servì nel “Servizio territoriale ausiliario”: le donne dell’Esercito britannico.
Giovedì 8 settembre 2022 è stato il 79° anniversario del proclama di armistizio di Badoglio dell’8 settembre 1943, con la successiva e ignobile fuga all’alba da Roma dei Savoia, che percorrendo la via Tiburtina scapparono in Abruzzo e da qui si imbarcarono, a Ortona, alla volta di Brindisi, lasciando l’Italia allo sbando nella Seconda Guerra Mondiale.
Stesso giorno, diversi anni, diverse ricorrenze, diversissimi modi di fare (o non fare) il proprio dovere.
Sono repubblicano, ma apprezzo le monarchie che hanno avuto un comportamento regale e non sono scappate dal proprio paese.
Disprezzo invece – da sempre – i fuggiaschi come gli invasori.
(Luchino)

Venerdì, 02/09/22
STARNUTI
[IL DIALETTO ROSETANO PER TUTTI - 272]
armbònne
“andare di traverso”, sia in senso fisico sia in senso figurato.
“je s’armbòshte lù vìn!” (gli è andato di traverso il vino).
“lù Rosète a vònde all’ìddeme tìre, mò je s’armbunnève!” (il Roseto ha vinto all’ultimo tiro, a momenti perdeva!).
(Luchino)



Il sondaggio!
FESTIVAL EMOZIONI IN MUSICA 2022. Quale concerto ti ha emozionato di più?
ROBY FACCHINETTI
EDOARDO BENNATO
LOREDANA BERTÈ


Guarda i risultati


NOTA BENE
I nostri sondaggi non hanno alcun valore statistico, in quanto rilevazioni aperte a tutti e non basate su un campione elaborato scientificamente.

Focus on Roseto.com
Roseto.com - Il basket e la cultura dei campanili senza frontiere. - Registrazione al Tribunale di Teramo N. 540 Reg. Stampa del 19.08.2005.
Direttore responsabile: Luca Maggitti   Editore: Luca Maggitti   Partita IVA 01006370678
© 2004-2022 Roseto.com | Privacy | Disclaimer Powered by PlaySoft