[Ricerca Avanzata]
Lunedμ, 23 Luglio 2018 - Ore 4:24 Fondatore e Direttore: Luca Maggitti.
Mailing List

Iscriviti alla mailing list di Roseto.com!

Il tuo nome

La tua email

Iscrivimi
Rimuovimi



Informativa sulla
privacy e dettagli
del servizio

Roseto Basket Story
A TAVOLA NON SI INVECCHIA. E SI VINCONO I DERBY...
Roseto, 21 marzo 2017. Marco Pasquini, Brandon Sherrod, Adam Smith, Marino Di Colli.

Roseto, 14 marzo 2017. Brandon Sherrod, Marino Di Colli, Adam Smith.

Roseto, 14 marzo 2017. Marco Pasquini, Marino Di Colli, Brandon Sherrod, Adam Smith.

Un ricordo, al sapore di nostalgia.

Roseto degli Abruzzi (TE)
Giovedμ, 03 Agosto 2017 - Ore 12:00

Brandon Sherrod e Adam Smith – i Bud Spencer & Terence Hill del Roseto Sharks 2016/2017 – sono stati adottati, come spesso capita da queste parti, soprattutto quando la squadra va bene, dalla comunità rosetana.

Una delle tante sere nelle quali Adam&Brandon andarono alla scoperta dei piaceri della gola fu martedì 14 marzo 2017, quando Marco Pasquini li invitò a cena a casa sua e della compagna Gaby.

Cucinava chef Marino Di Colli – che il martedì ha il giorno di riposo dalla Braceria da Ciambi – e io, bontà loro, fui ammesso all’ultraqualitativo tavolo.

Così comprammo un paio di bottiglie di bollicine, sotto l’attenta supervisione di chef Marino, e ci presentammo sull’uscio, affamati come lupi d’inverno.

Marco, nel fare gli onori di casa, disse quel che si usa dire da queste parti: “Fate come se foste a casa vostra” e poi il più intimo: “In questa casa non si beve acqua”.

Noi lo prendemmo in parola. E onorammo lo strepitoso menu di chef Marino & Gaby con una raffica di brindisi che manco un corpo d’elite con l’AK-47.

Brandon e Adam mi fecero ripassare la schiera di aggettivi: strepitoso, meraviglioso, eccezionale, pazzesco... i piatti dello chef, al solito, non fecero prigionieri, ma innamorati.

A cena fatta, dopo un match con una bottiglia di grappa dal quale io e Adam uscimmo vincitori non senza difficoltà (io la reggevo, lui le menava), lasciamo una performance di arte moderna fatta di belle bottiglie vuote delle più varie fogge.

Ma il nocciolo della questione fu durante la cena, quando Marco – tifoso rosetano, ovviamente – ebbe a darmi di gomito, sussurrando: “Luca, mi pare abbiano gradito molto. Quindi digli a ‘quessi’ che, se domenica vincono il derby, martedì prossimo riorganizziamo il bis per festeggiare la vittoria a Chieti”.

Riferii quanto dettomi da Marco a Adam e Brandon, che annuirono da bravi ragazzi e si guardarono puntandosi i nasi.

A Chieti, la domenica, il Roseto all’intervallo era sotto di una ventina di punti. “Pazienza –  pensai – per il derby e per la cena”.

Invece no. Gli Squali vinsero dopo due tempi supplementari, con Adam e Brandon sugli scudi. I numeri? Eccoli!
Brandon Sherrod: “doppia doppia” da 25 punti, 12 rimbalzi, 2 assist, 29 di valutazione in 44 minuti.
Adam Smith: 28 punti, 4 rimbalzi, 6 assist, 23 di valutazione in 43 minuti.

Lunedì 20 marzo 2017 era già una data importante, perché fu il primo dei due giorni di registrazione di “Italian Journey”, il disco di “Brandon Sherrod & the Sharks”. Incontrando Brandon, gli ricordai che avevano “vinto il bis” e lui – carico a pallettoni – mi disse, più o meno: “Speravo si ricordassero della promessa. Solo devi parlare con Adam per quel divieto...”.

Lì per lì non capii. Quindi chiamai Adam, il quale mi chiese: “Luca, ma pure domani sera sarà vietato bere acqua?”. Scoppiai a ridere e lo rassicurai... scherzavano la scorsa volta (anche se Adam, poverino, si era attenuto alla prescrizione!).

Così, martedì 21 marzo 2017, Brandon&Adam – sempre con me invitato/infiltrato – varcarono la soglia per il bis, stavolta armati di mignon.

Fu un serata meno complessa, dal punto di vista del menu: barbecue, ma sempre con moltissima qualità e gusto.

Durante al cena, Marco chiese a “Bud Spencer & Terence Hill” se avessero pensato alla cena quando erano sotto di 20 punti e passa, magari per darsi al carica. I due – facendoci scoppiare a ridere – dissero all’unisono: “In effetti, durante il terzo quarto ci siamo guardati e detti che dovevamo vincere per i tifosi e la maglia... oltre che per la cena!”.

L’ennesimo brindisi sancì una doppietta di mangiate da Eurolega.

Ecco, questa è Roseto. E questa resterà finché ci sarà gente come Marco, Gaby e Marino, che apriranno casa e cuore ai portatori della rosetanissima maglia, offrendo un po’ di Roseto nella quotidianità.

E ci credo che poi qui tutti giocano meglio...

In bocca al lupo, per le loro future carriere, a Adam Smith e Brandon Sherrod.

Luca Maggitti
Stampa    Segnala la news

Condividi su:



Il sondaggio!
Cosa ne pensi della partnership fra Roseto Sharks e Stella Azzurra Roma?
Ottimo accordo.
Buona cosa, ma ho dei dubbi.
Non mi convince.


Guarda i risultati


NOTA BENE
I nostri sondaggi non hanno alcun valore statistico, in quanto rilevazioni aperte a tutti e non basate su un campione elaborato scientificamente.

Focus on Roseto.com
Roseto.com - Il basket e la cultura dei campanili senza frontiere. - Registrazione al Tribunale di Teramo N. 540 Reg. Stampa del 19.08.2005.
Direttore responsabile: Luca Maggitti   Editore: Luca Maggitti   Partita IVA 01006370678
© 2004-2018 Roseto.com | Privacy | Disclaimer Powered by PlaySoft